Ecco cosa ha permesso ad una piccola azienda di aumentare le vendite fino al 47% in poco tempo e che anche tu puoi replicare nella tua attività (qualunque sia il tuo settore).

Scopri come ottenere la serenità e il tempo libero che ti meriti grazie ad un metodo applicabile (senza stress) nella tua attività in poche ore, che ti permetterà di migliorare i tuoi utili, che ti proteggerà dagli imprevisti e ti farà sentire ammirato da chi ti circonda, anche se finora le grandi corporations e i poteri forti hanno voluto tenertelo segreto

Caro imprenditore,

la tua azienda merita di ricambiarti degli sforzi che le stai dando e se credi che i miracoli non possano accadere perché non esistono le cose facili, lascia che ti rassicuri del fatto che tra poco avrai delle prove in mano che ti faranno ricredere. Se non vuoi perderti l'opportunità di conoscere ciò che ha permesso ad un piccolo gruppo di imprenditori comuni (con tutte le paure che ogni giorni rivedi) di ottenere il rispetto e il riconoscimento da parte di famigliari, collaboratori e amici, e di capire come poter ottenere altrettanto per te stesso, allora ti consiglio di leggere questo trattato fino alla fine.

Come ti ho già anticipato sono certo che la tua azienda merita di ricambiarti per gli sforzi che hai fatto, a discapito di tempo libero, famiglia, hobby e salute. Potremmo trascorrere giorni nel discutere su quali potrebbero essere le varie opzioni da percorrere per aumentare il numero di clienti che ti vogliono comprare da te e lasciare a secco la concorrenza, ma converrai con me che il tempo è un elemento tanto democratico, tanto prezioso. E visto che di tempo personalmente non ne ho, voglio dirti che a priori non tratto di metodi come:

  • svendere il prodotto o servizio che offri;
  • investire nella stessa pubblicità come tutti i tuoi concorrenti;
  • buttare soldi nelle campagne social senza senso;
  • cercare e sviluppare continuamente nuovi prodotti o servizi o ampliare la tua offerta verso il mercato per cercare di farti notare da altri clienti;

allora prenditi un minuto del tuo prezioso tempo, per il bene tuo e della tua azienda (capirai da solo quanto ne sarà valsa la pena), e leggi questa storia realmente accaduta - con tanto di prove e fatti reali - che ti dimostrerà perché la soluzione che vedrai ti risulterà la più efficace ed immediata.

Voglio raccontarti una storia vera, accaduta in un’azienda piccola nella provincia di Vicenza. Il nome dell’azienda è IBS Srl ed è stata fondata da Franco, Alessandro e Paolo con l’obiettivo di fornire assistenza informatica alle aziende. Questo in realtà non è il nocciolo della storia, bensì ciò che voglio raccontarti è il problema (quasi letale) che stava per portarli alla chiusura nonostante il lavoro non mancasse.

Stiamo parlando di un’azienda che ha quasi vent’anni di vita e tutto il team di lavoro si impegna molto in ciò che fa.

Ma non è tutto oro quello che luccica…

La crescita dell’azienda infatti ha portato inevitabilmente alla necessità di integrare altri tecnici che potessero evadere le richieste che quotidianamente si presentano – posso assicurarti che ce ne sono veramente tante.

Ma qual era il problema, ti starai chiedendo, visto che avevano tanti clienti e incassavano ogni mese?

Il problema era questo: i tecnici allontanavano i clienti a pedate.

No, non nel senso letterale.

Mi spiego meglio. Ogni volta che un cliente chiamava perché il server si era bloccato, la posta non andava o la stampante era inchiodata, la gestione della problematica era lasciata ai tecnici, i quali ragionavano da tecnici.

Quindi spesso capitava che un tecnico intervenisse prestando attenzione ad un cliente quando o era troppo tardi o quando il cliente non ne poteva davvero più e nel frattempo il guasto gli aveva causato un problema all’interno della sua azienda.

Immagina se nella tua attività si dovesse fermare tutto il sistema dei macchinari o dei computer o le comunicazioni. Ti immagini che panico?

Insomma un vero disastro che danneggiava costantemente IBS perché i clienti prima di chiamare facevano il possibile per arrangiarsi e quando lo facevano era da mettersi le mani nei capelli sperando che arrivasse il tecnico giusto e che non andasse a peggiorare la situazione con il suo modo di fare superficiale.

Se credi che i titolari di IBS non si siano mai accorti di questo problema ti voglio fermare subito. Non solo lo sapevano ma più e più volte avevano cercato di porvi rimedio.

Hanno adottato ogni tipo di iniziativa per cercare di migliorare il servizio rivolto al cliente, andando ad educare i tecnici sul corretto comportamento da assumere con la clientela, di quanto insomma fosse importante non solo risolvere il guasto ma anche intervenire nei giusti tempi e con i dovuti modi verso il cliente e il suo staff.

Niente da fare…

Appena passava la sfuriata tutto tornava come prima e ad ogni richiesta di intervento i tecnici uscivano e facevano danni.

I clienti chiamavano alterati Franco, uno dei soci, per lamentarsi e sfogarsi su di lui che ovviamente essendo a capo dell’azienda era il riferimento delle lamentele.

Le cose continuarono così per diverso tempo finché un giorno conosco Franco e gli offro l’opportunità di fare un’analisi con me per capire se esistessero delle possibilità di aumentare le vendite e acquisire più clienti.

Franco non si manifestò entusiasta davanti alla mia proposta e mi spiegò il motivo: “io e i miei soci abbiamo provato diverse volte ad aumentare le vendite, ma puntualmente ci scontriamo con il problema “collaboratori”. Credimi abbiamo provato di tutto ma non ha MAI FUNZIONATO.”

Nonostante la sua risposta cercai di presentare a Franco delle dimostrazioni oggettive che il cambiamento sarebbe stato possibile se solo mi avesse concesso il tempo di fare un’analisi ITALPRIME.

Così mi permise di mettermi all’opera e di analizzare la sua situazione.

Dalla mia analisi infatti emerse che il tallone d’Achille di IBS non erano i tecnici ma la comunicazione.

Non sto dicendo che non comunicassero tra loro, ovvero che la proprietà dell’azienda non parlasse ai collaboratori e viceversa.

Il problema è che non basta dire ad un dipendente o ad un collaboratore di fare una cosa perché lui la faccia. Probabilmente lo potrai confermare anche tu sulla base della tua esperienza.

Nemmeno urlare è una soluzione perché quando ti giri e te ne vai i dipendenti tornano a fare come vogliono loro e chi ci rimette costantemente sei tu.

Allo stesso modo non basta pensare che incentivando economicamente le persone queste lavorino meglio e portino più risultati - ovviamente non sto dicendo che un aumento pianificato e giustificato non debba essere dato.

Così dopo avermi dato la possiblità di spiegare loro quale strategia dal mio punto di vista sarebbe dovuta essere adottata, nonostante i mille dubbi della serie “ma ce la faremo?”, piuttosto che “e se va peggio di come sta andando adesso?”, oppure “ma come faccio a sapere se funzionerà?”. Tutte domande legittime perché d’altronde nessuno prima di me aveva suggerito loro una strategia tanto strana e tanto lontana rispetto al problema.

Per loro tutto era troppo complicato e troppo lungo da realizzare e forse era meglio il male alla soluzione. Li potevo capire.

Ma fortuantamente lasciando da parte le emozioni e razionalizzando il progetto, i soci dell’azienda decisero di darmi fiducia avvalendosi del servizio ITALPRIME.

Non ti dico le facce stupefatte quando mi presentai in azienda la prima volta e mi misi al lavoro.

Ovviamente come accade in queste situazioni i collaboratori erano contro di me perché nella loro mente l’unica frase che faceva eco era: “un altro pallone gonfiato”. Tutto secondo i piani ovviamente.

Iniziai quindi a lavorare sulla comunicazione e alla fine, dopo appena tre settimane, le cose iniziarono a cambiare perché i clienti chiamavano soddisfatti. Non solo gli interventi venivano fatti nei tempi ideali per i clienti, ma i collaboratori portavano fuori dell’azienda un’affiatamento tale che non potevano che spingere il cliente a chiedere cosa stesse accadendo e a lasciare recensioni positive.

Per i tre soci, questo significò passare da uno stato di stress per paura che chiamasse l’ennesimo cliente insoddisfatto, ad un senso di pace nel sapere che le cose stavano cambiando e i fatti lo dimostravano. La loro soddisfazione è testimoniata da queste recensioni.

Grazie a questo caso studio di impresa reale oggi i soci di IBS possono affermare che i miracoli possono accadere e soprattutto possono accadere senza richiedere sacrifici enormi perché basta conoscere le giuste leve e fare dei semplicissimi movimenti che anziché sconvolgere la situazione aziendale la migliorano portando progressivamente l’azienda ad avere un clima di serenità che sviluppa inevitabilmente un passaparola che attirerà altri clienti più rapidamente di qualsiasi altra strategia.

Pensa a quanti soldi in pubblicità questo tipo di strategia ha permesso di risparmiare, ma non è tutto perché il bello è che è proprio quello che la loro concorrenza non ha pensato di fare perché solitamente si dà per scontato che la comunicazione sia sempre corretta.

È più facile dire “ho sempre fatto così” che dire “come potrei migliorare?” e le testimonianze di queste tre persone sono davvero la prova vivente che invece dalle scelte apparentemente più complicate arrivano i risultati migliori.

Se desideri anche tu provare la soddisfazione che deriva dal comunicare in modo efficace ai tuoi collaboratori così da spingerli a prendersi cura della tua azienda al punto da farti fare bella figura con i clienti e stimolare il passaparola (che nessuna strategia pubblicitaria sarà mai in grado di darti), allora devi fare solamente un’azione semplicissima e immediata:

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO E LASCIA I TUOI DATI

Ti contatterò personalmente per fissare un incontro gratuito e dimostrarti come puoi attirare più clienti solo cambiando modo di comunicare con i tuoi collaboratori.